La mia gravidanza

La sindrome del nido in gravidanza

Credo che una delle cose più belle e, al tempo stesso, deleterie per la mia gravidanza sia stato quello di entrare a piè pari a far parte delle donne incinta con la sindrome del nido.

Non appena abbiamo scoperto di essere incinti, abbiamo avuto bisogno di qualche settimana prima di riconnetterci con il mondo. Dopo qualche giorno dal test di gravidanza positivo, infatti, eravamo molto più concentrati a gestire le mie nausee h24 piuttosto che renderci conto di come si sarebbe trasformata la nostra vita.

Ma la sventura accadde all’inizio del secondo trimestre, quando il senso di vomito ha iniziato a darmi tregua qualche ora al giorno che abbiamo iniziato a vedere la luce alla fine del tunnel. E’ stato così che siamo passati dal comprare quantità industriali di Citrosodina a redigere un vero e proprio piano di ristrutturazione dedicato alla cameretta del pargolo.

Che cos’è la sindrome del nido?

Quando parliamo di sindrome del nido, ci riferiamo a tutti quei trip mentali a cui sarete colte improvvisamente e che sono volti alla creazione del “nido perfetto” per il vostro bambino.

In genere le prime avvisaglie di questi comportamenti ossessivo-compulsivi arrivano non appena iniziate a vedere la pancia crescere e sentite i primi calcetti. In alcuni casi, però, si manifestano non prima del terzo trimestre. Ad ogni modo, non vi preoccupate: arriva a tutte, a chi prima e a chi dopo. Anche le più introverse e minimaliste ne saranno vittime!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.